cafenoir1937.it_cafe

Relazioni, Lavoro e Personalità: L’importanza del Coffe-Break!

Dal nostro amato caffè abbiamo imparato tante cose, come che l’assunzione, nelle giuste dosi, può essere un buon alleato della salute, soprattutto come prevenzione a determinate malattie.

Abbiamo anche appurato che sono stati condotti tanti studi per attestarne le proprietà benefiche sull’organismo e sul sistema nervoso.

A proposito di questo, come non evidenziare la sua importanza nelle relazioni interpersonali?

Il caffè è la punta di diamante di ogni pausa, lavorativa e non, e agisce come antistress o come caricatore di energie.

Non solo funge da collant per instaurare nuovi rapporti sociali, per consolidarli o per mantenere un’abitudine, ma può anche dare un’ulteriore sferzata d’energia ad una giornata già impegnativa, rappresentando quindi un valore organizzativo ed economico in termini di produttività.

A testarlo è stato uno studio dell’Università di Copenaghen sulla gestione dello stress nei luoghi di lavoro, che senza grandi sorprese, ne ha confermato le qualità.

Eppure non tutti sono avvezzi al consumo di caffè, dato che quest’ultimo, per il sapore non eccessivamente dolce, è spesso sostituito dalla bevanda ambrata per eccellenza: il thè.

Possiamo affermare che chi sceglie il nero succo dei chicchi tostati è una persona che preferisce l’alternativa grintosa per il mood delle sue giornate a quella rilassante e morbida, tipica del post lavoro.

Nello specifico, scandire le ore lavorative con pause caffè aiuterebbe la concentrazione, mantenendola a livelli sempre standard, e stimolerebbe la tolleranza, la produttività e la “memoria dichiarativa”, cioè il ricordo.

Ma non è finita qui!

La caffeina è l’antagonista per eccellenza dell’adenosina, una sostanza chimica naturale che ha il compito di intercettare il sonno a livello nervoso.

Ciò vuol dire che stimola lo stato di veglia (a fronte di una giornata lavorativa e non di una settimana di focus full time) e può apportare benefici anche per le emicranie, allentando la pressione a livello cerebrale.

Noi di Cafè Noir siamo ben lieti di condividere con Voi tutte le sfaccettature della miscela nera.

Bevetelo con gusto e in compagnia, ma non esagerate!

Se questo articolo ti è sembrato interessante aiutaci a diffonderlo condividendolo sui social! 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *